Riassunto
Screenshot
Video

Ulduar

Incontri

  • Leviatano delle Fiamme – Questo enorme carro armato corazzato protegge il cortile d'ingresso di Ulduar. Il guardiano Mimiron ha costruito il Leviatano delle Fiamme come elemento della propria piattaforma armata V-07-TR-0N.
  • Maestro della Forgia Ignis – Come le altre creazioni forgiate dai Titani di Ulduar, Ignis adesso serve l'oscuro volere del Dio Antico Yogg-Saron. Questo immenso Gigante del Fuoco presiede la Forgia Colossale, creando le armate di ferro che conquisteranno Azeroth nel nome di Yogg-Saron.
  • Scagliafusa – Veranus, Madre della Stirpe dei Proto-Drachi delle Cime Tempestose, ha servito il guardiano Thorim fin quando non è stata catturata da Loken e trasformata in un'arma. Su ordine del suo padrone, il Maestro della Forgia Ignis ha applicato placche di ferro sulla pelle di Scagliafusa, per rendere i suoi attacchi ancora più letali.
  • Demolitore XT-002 – Progettato per pattugliare il Cantiere di Demolizione di Ulduar, questo robot è stato creato da Mimiron con un rudimentale intelletto adatto a svolgere il suo compito. Col tempo, XT-002 ha iniziato a considerarsi il figlio del guardiano e spesso viene colpito da eccessi d'ira tipici dei bambini più petulanti.
  • Adunanza del Ferro – Le legioni di ferro di Loken sono comandate da tre potenti generali, ognuno dei quali rappresenta una differente razza forgiata dai titani. L'Invocatore delle Tempeste Brundir, il Maestro Runico Molgeim e il gigante Spaccacciaio combattono nel nome del vero padrone dei Guardiani, il malevolo Yogg-Saron.
  • Kologarn – Loken ha ordinato al Maestro della Forgia Ignis di creare un immenso gigante per proteggere il Ponte Distrutto. Le immense braccia di Kologarn sono capaci di polverizzare gli intrusi che cercano di raggiungere il Santuario Interno.
  • Auriaya – L'archivista di Ulduar pattuglia l'Anello d'Osservazione accompagnata dai suoi feroci felini. Anni di solitudine hanno messo a dura prova la sanità mentale di Auriaya, e sembra che l'ascesa al potere del Dio Antico abbia dato il colpo di grazia alla sua razionalità.
  • Hodir – Il gigante Hodir un tempo presiedeva il Tempio dell'Inverno e guidava i Giganti del Gelo delle Cime Tempestose. Adesso il guardiano riposa in una grotta gelata nelle Sale dell'Inverno, costretto a servire il volere di Yogg-Saron.
  • Thorim – Per anni, Thorim credette che i Giganti del Ghiaccio avessero ucciso la sua amata moglie Sif. Thorim scatenò la rabbia sui propri alleati e cadde nella più totale disperazione. Quando apprese che suo fratello Loken era stato il responsabile del crimine, venne catturato e trasportato a Ulduar, dove il Dio Antico offuscò la sua mente.
  • Freya – La guardiana Freya ha servito come protettrice di tutte le creature viventi, aiutata da tre stoici Anziani. Benché il suo conservatorio sia ancora rigoglioso e pieno di vita, anche lei ha ceduto ai folli sussurri del Dio Antico.
  • Mimiron – Brillante innovatore, Mimiron ha costruito innumerevoli dispositivi meccanici nel corso della storia di Azeroth, capaci di ispirare meraviglia e ammirazione. Tuttavia, da quando è caduto sotto l'influenza di Loken il guardiano di Ulduar si è dedicato solo alla costruzione di macchine da guerra.
  • Generale Vezax – Strane creature note come Senzavolto si aggirano nelle profondità di Ulduar. Uno dei loro più possenti comandanti, il Generale Vezax, protegge gli intricati passaggi che portano alla Prigione di Yogg-Saron.
  • Yogg-Saron – Il sogno lucido. Il mostro nei vostri incubi. Il demone dai mille volti. Tutti devono piegarsi al volere del padrone. I vostri patetici bisticci lo rendono solo più forte.
  • Algalon l'Osservatore – La morte di Loken, Primo Designato di Azeroth, ha attivato l'invio di un messaggio d'aiuto a tutti i Titani. Algalon l'Osservatore è stato inviato per valutare la presenza di corruzione sistemica. Se necessario, il Constellar attiverà la rioriginazione dell'intero mondo, spazzando via tutte le forme di vita che attualmente vi abitano.

Musica

Musica d'introduzione


Guide

Informazioni relative

Contribuisci